Cerca una parola
negli articoli
  Puoi leggere tutta la nostra raccolta
di articoli anche in quest'altra pagina
Sulla stampa...
15/05/2018
Monterotondo – Grosseto 1-2 (1-0)
Girone C - 2ª giornata
MONTEROTONDO: Domenichini, Barbieri, F. Lami, Salvadori, Ruggiero, Costa, Falzone, Menini, Di Dato (28' st Annoni), Guareri, Giommoni (42' st Lala). A disposizione: Bucci. All. P. Lami.

GROSSETO: Mileo, Melfi, Polidori, Bicocchi, Formicola, Pastorelli, Decarolis, Corradi (20' st Fagnoni), Molinari, Rosi, Tichem (20' st Dovidio). A disposizione: Alessandroni, Lorini, Consonni, Ottaviani, Zarone. All. Angeli.

ARBITRO: Lampedusa di Grosseto (assistenti Marconi e Muto).
RETI: 40' Di Dato, 41' st Molinari, 46' st Molinari.
NOTE: al 40' st Domenichini ha parato un calcio di rigore battuto da Molinari. Ammoniti: Barbieri, F. Lami, Polidori, Pastorelli, Decarolis, Corradi, Molinari,Rosi. Calci d'angolo 5-6. Recupero: 1' + 4'.

GROSSETO – Il Grifone vince anche la seconda gara del torneo piegando (1-2) il Monterotondo, sale sul podio più alto del girone C e guarda verso i quarti. Un successo difficile, lottato, sudato. Il Monterotondo ha sottolineato le sue caratteristiche di formazione quadrata, corta, in grado di tessere trame in velocità, di possedere visione di gioco e elementi tecnicamente dotati. I biancorossi hanno gettato sul sintetico grande cuore, agonismo e l'orgoglio di chi ha primeggiato a livello regionale. Prima frazione simmetrica, senza squilli ma ricca di contenuti tattici e tecnici. Un braccio di ferro in equilibrio fino al 40' quando Di Dato, al termine di una trama geometricamente bella, fulmina Mileo di sinistro. Un vantaggio senza grinze. La ripresa propone un Grosseto in crescendo, che rischia al 15' complice un disimpegno impacciato. Ma è un Grifone che spinge cercando di evitare il pressing costante dei rossoverdi. Prima Pastorelli di testa (19'), quindi Rosi dalla distanza (22') su cui si oppone in volo Domenichini, sono segnali inequivocabili di una crescita lineare. I ragazzi di Paolo Lami vanno in riserva, i cambi non modificano l'andamento. Quelli di Angeli, invece, aumentano e migliorano il volume del gioco. L'assedio diventa traversa (35') sul tocco di un difensore, Francesco Lami toglie la sfera dalla linea (36'). Al 40' Ruggiero stende Molinari, è rigore. Batte lo stesso Molinari, Domenichini respinge, Molinari ribadisce in rete, 1-1. Il Grifone e Molinari non si fermano e al 46' la punta trova lo spunto giusto per raddoppiare. Una bella partita.
Il Passalacqua torna domani – 17 maggio – con Orbetello – San Donato, girone C, entrambi a quota zero.
g.m.
Letto 119 volte